La SICPRE scende in campo contro le mutilazioni genitali femminili


Nel mese di febbraio 2019 nasce, all'interno del Capitolo di Chirurgia Genitale Femminile e Maschile della SICPRE, la Sezione “Mutilazioni genitali femminili” (MGF), in concomitanza con la Giornata Mondiale contro le Mutilazioni Genitali Femminili del 6 Febbraio. L'attività della sezione MGF si articola in estrema sintesi su più fronti: i soci SICPRE, le vittime, la società civile. Ai primi verrà fornita la possibilità di acquisire un know-how gestionale dal punto di vista sanitario, tramite corsi online e sessioni dedicate durante il Congresso Nazionale. Alle vittime verrà fornito supporto, e infine, la società sarà raggiunta da una costante campagna di informazione e sensibilizzazione, con diffusione delle testimonianze delle vittime, dei numeri e dei rischi connessi a questa pratica. Per dare un'idea dell'entità del fenomeno, l'OMS stima che siano tra i 100 e i 140 milioni le donne nel mondo sottoposte a MGF. Sempre secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, a questi numeri si aggiungono ogni anno 3 milioni di bambine. Le referenti della Sezione Mutilazioni Genitali Femminili sono Aurora Almadori e Stefania de Fazio. Qui sotto alcuni link per approfondire l'argomento: Ministero della Salute Italiano
Unicef
Organizzazione Mondiale della Sanità